Misuratori di glicemia a contatto o senza contatto: quale scegliere? Guida al confronto e differenze

Misurare la propria glicemia sia per un semplice controllo, che per persone malate di diabete (tipo 1 o tipo 2 che sia) è un’operazione molto importante. Questo è possibile farlo con appunto, dei misuratori di glicemia che possono essere sia a contatto che senza contatto, anche se questo termine non è esattamente giusto.

Andremo dunque a vedere quali sono le differenze tra questo due prodotti e quando sarà meglio acquistarne uno rispetto ad un altro.

Misuratore di glicemia a contatto: test glicemia capillare

Il test della glicemia capillare viene eseguito con l’obiettivo di controllare i livelli di zucchero nel sangue in un determinato momento della giornata e per questo è necessario utilizzare un dispositivo di glicemia per eseguire l’analisi di una piccola goccia di sangue che viene rimossa dal polpastrello.

La misurazione della glicemia capillare è più indicata per le persone che hanno ipoglicemia, pre-diabete e diabete, nel qual caso si consiglia di effettuare il dosaggio prima e dopo i pasti in modo da poter effettuare un controllo dei livelli di glucosio e quindi se necessario, apportare modifiche alla dieta o ai dosaggi di medicinali che si stanno assumendo.

Sebbene la misurazione sia più indicata prima e dopo i pasti, l’endocrinologo può consigliare altri momenti della giornata, come prima di coricarsi e appena svegli, ad esempio. Questo perché è anche importante controllare il comportamento dell’organismo durante il digiuno prolungato, soprattutto nei pazienti affetti da diabete.

Come si misura la glicemia capillare?

La glicemia capillare viene misurata mediante una piccola quantità di sangue che viene rimossa dal polpastrello e che viene analizzata dal glucometro.

In generale, la misurazione dovrebbe essere effettuata come segue:

  • Lavarsi le mani e asciugare adeguatamente;
  • Inserire una striscia reattiva nel misuratore di glicemia;
  • Pungere il dito con l’ago del dispositivo;
  • Posizionare la striscia reattiva contro la goccia di sangue fino a riempire il deposito della striscia reattiva;
  • Attendere alcuni secondi finché il valore della glicemia non viene visualizzato sul monitor del dispositivo.

Per evitare di pungere sempre nella stessa posizione, è necessario cambiare il dito ad ogni nuova misurazione della glicemia capillare. Gli ultimi dispositivi per la misurazione della glicemia possono anche misurare la glicemia prelevata dal braccio o dalla coscia. Ad esempio, alcuni dispositivi per la misurazione della glicemia potrebbero funzionare in modo diverso, quindi è importante leggere le istruzioni per l’uso del produttore prima di utilizzare il dispositivo.

Per evitare letture errate, è importante che il glucometro venga pulito regolarmente, che i nastri siano entro la data di scadenza, che il glucometro sia calibrato e che la quantità di sangue sia sufficiente per l’analisi.

Misuratori di glicemia senza contatto o senza puntura

La glicemia può essere misurata anche per mezzo di un piccolo sensore che è attaccato al braccio e che misura costantemente durante il giorno e la notte.

Questo sensore indica la glicemia in tempo reale, visualizzando una vera e propria curva glicemica. Questo sensore è molto efficace per quanto riguarda il controllo del diabete e la prevenzione di ipo e iperglicemia. Infatti da la possibilità all’utilizzatore di monitorare costantemente il proprio livello di glicemia. Tutto questo senza doversi necessariamente bucare un dito più volte al giorno.

Questi dispositivi spesso sono dotati di connessioni bluetooth in modo da poter scaricare facilmente i numerosi dati raccolti.

Valori di riferimento della glicemia

Qui di seguito una tabella indica i valori di riferimento della glicemia:

Glicemia normale Alterazione della glicemia Diabete
a stomaco vuoto meno di 99 mg/dl tra 100 e 125 mg/dl superiore a 126 mg/dl
dopo i pasti meno di 200 mg/dl più di 200 mg/dl

Nel caso dei neonati, è difficile che il test venga eseguito a stomaco vuoto, quindi si raccomanda che i livelli di glucosio nel sangue del neonato siano compresi tra 50 e 80 mg / dl.

Se la persona non ha il diabete, ma il valore del glucosio nel sangue non si trova nella colonna “glicemia normale“, si consiglia di ripetere la misurazione il giorno successivo. Se il risultato persiste, consultare l’endocrinologo in modo che la diagnosi conclusiva possa essere fatta. Nel caso in cui la persona abbia il diabete e il valore glicemico rimanga a livelli superiori a 200 mg / dl, è opportuno consultare il medico per adattare il trattamento oppure assumere insulina secondo le dosi indicate.

Nei casi in cui la glicemia è inferiore a 70 mg / dl, si dovrebbe bere un bicchiere di succo si frutta o un bicchiere d’acqua con zucchero per riportarla a livelli normale. Anche in questo caso se il valore dovesse rimanere basso, consultare il proprio medico curante.

Come abbassare i livelli di glucosio

I livelli di glucosio possono essere controllati con un semplice cambiamento nella vita quotidiana, come un’attività fisica regolare e una dieta equilibrata abbassando il numero di alimenti consumati che contengono molto zucchero. Tuttavia, se i livelli di glucosio non tornano alla normalità, il medico può raccomandare l’uso di alcuni farmaci, che dovrebbero essere consumati come indicato.

Nato a Roma nel 1979 dopo anni passati nel settore della ristorazione, non ha comunque mai abbandonato la passione per la scrittura. Attualmente lavora a tempo pieno come articolista SEO per portali di tecnologia ed edilizia.

Back to top
menu
sceltamisuratoriglicemia.it